ATTENZIONE!

Lo Studio Mazzini Chiropractic Center ha un nuovo sito web.

www.milanochiropratica.com

Il colpo di frusta

Il colpo di frusta è causato da un esagerato e improvviso movimento del capo indietro, avanti e talvolta di fianco. Forze superiori alla norma devono essere sopportate da muscoli, legamenti, nervi, ossa, dischi intervertebrali, vasi sanguigni e occhi quando il peso della testa si muove oltre i normali limiti fisiologici.

Disturbi alla regione cervicale

È possibile che non siano apparentemente visibili lividi o abrasioni dovuti a questo tipo di infortunio, in ogni caso le vittime presentano sintomi classici causati da danni alle vertebre, ai muscoli, ai tendini e ai tessuti molli della testa e del collo. I disturbi che più comunemente possono verificarsi sono tensioni muscolari alla regione cervicale e mal di testa ma nella maggior parte dei casi non sono i soli sintomi che si presentano.


Lacerazione del legamento anteriore longitudinale nella fase di iperestensione del collo

Infortunio della testa e collo, ma non solo

Nei casi di iperflessione, la testa è spinta violentemente in avanti e in basso in iperflessione. Ciò può causare una frattura a cuneo della parte anteriore delle vertebre cervicali dovuta allo schiacciamento delle stesse. I dischi intervertebrali possono essere danneggiati, essi possono protrudere o erniare irritando i nervi spinali.

Le conseguenze di un colpo di frusta

Al colpo di frusta possono seguire:

  • Infortuni muscolari. Il colpo di frusta può causare danni ai muscoli del collo che variano da minime contratture a strappi massivi. I muscoli coinvolti più di frequente sono lo sternocleido-mastoideo, gli scaleni, lo splenio del capo e il muscolo lungo del collo.
  • Danni muscolari. La funzione principale dei legamenti spinali è di mantenere in posizione le vertebre. Alcuni legamenti sono lunghi a malapena un centimetro e larghi solo pochi millimetri. In un colpo di frusta i legamenti possono essere stirati, possono torcersi o strapparsi completamente.
  • Infortunio del midollo spinale. Quando i legamenti che circondano le vertebre vengono stirati o strappati si può verificare che le vertebre si spostino dal normale assetto e vadano a disturbare il midollo spinale. Un midollo spinale danneggiato può causare paralisi e/o morte.

Durante un colpo di frusta anche il cervello può subire un trauma creando emorragie sulla propria superficie. Persino l’esofago può essere colpito se una vertebra artrosica scivolando in avanti lo pizzica o se viene schiacciato da due vertebre.

La dura madre

Il midollo spinale è circondato esternamente dalla “dura madre” che si attacca alle prime tre vertebre cervicali, fluttua per tutto il percorso del midollo spinale nel canale vertebrale, fino ad articolarsi nuovamente con la seconda vertebra sacrale.

I problemi dovuti alla tensione durale

Per questo motivo ogni trauma può propagarsi e creare una tensione durale lungo tutta la colonna vertebrale. La tensione durale è una condizione che nella maggior parte dei casi accompagna i pazienti che subiscono un trauma fisico. Questo è il motivo per il quale i pazienti trattati solamente con manipolazioni cervicali possono continuare ad avere disturbi.  È fondamentale controllare e trattare dove necessario tutta la colonna vertebrale, perché spesso i sintomi causati da una eccessiva tensione durale possono essere avvertiti dopo mesi o addirittura anni dall’incidente anche se il paziente è in assenza di dolori specifici.

Sintomi del colpo di frusta

I sintomi si possono immediatamente manifestare con dolori o indolenzimento del collo, a volte accompagnati da mal di testa. Spesso i dolori non sono avvertiti immediatamente dopo l’incidente ma solitamente i pazienti si svegliano il mattino dopo il trauma con il classico torcicollo. Potrebbero inoltre esserci dolore e/o indolenzimento e formicolii tra le scapole, al braccio e alla mano. Alcune persone possono avere ronzii alle orecchie o vertigini, nausea o vomito.

Disturbi visivi e insonnia

A volte possono essere colpiti gli occhi, con dolori dietro il bulbo oculare, visione confusa, sensibilità alla luce o altri disturbi visivi. Si possono infine manifestare irrequietezza, insonnia, perdita di concentrazione, senso di confusione mentale, depressione e nervosismo, stanchezza cronica, difficoltà di digestione che durano per ore o per giorni dopo l'incidente.

Trattamento chiropratico e fisiokinesiterapia

Ogni incidente o trauma causa una diminuzione della mobilità e un 'alterazione della normale biomeccanica della colonna vertebrale.
Nessun analgesico o antinfiammatorio può ridare alle vertebre la loro normale mobilità. Anche se bloccati e doloranti, i pazienti possono essere trattati usando tecniche dolci: così facendo i sintomi regrediscono più in fretta.

L'aggiustamento chiropratico, soprattutto se coadiuvato da un trattamento fisiokinesiterapeutico a livello muscolare nella fase acuta, è molto utile perché riporta le vertebre nella loro normale posizione.

Mantenimento della correzione mediante ginnastica posturale

Più importante è il mantenimento della correzione ottenuta: una ginnastica appropriata può aiutare a risolvere definitivamente il problema e a mantenere i benefici ottenuti dai trattamenti.

La ricerca del Journal of Ortopaedic Medicine

Una ricerca condotta negli Stati Uniti e pubblicata dal "Journal of Ortopaedic Medicine" rivela l'efficienza della chiropratica come trattamento per i colpi di frusta. 93 pazienti con sintomi cronici da colpo di frusta sono stati suddivisi in tre gruppi basati sulla natura e la severità dei sintomi. Tutti i 93 pazienti sono stati sottoposti a trattamenti chiropratici ( 19,3 manipolazioni nell' arco di 4 mesi ) I risultati hanno dimostrato che due dei tre gruppi ( i pazienti con dolori al collo, riduzione della mobilità e/o sintomi neurologici ) sono migliorati con la chiropratica: l' 85,5 % sono migliorati, il 33,5 % stavano molto meglio e il 31 % non accusavano più dolori dopo i trattamenti.

Molte volte le persone sviluppano artrosi o problemi ai dischi intervertebrali a livello del collo o in altre zone della colonna vertebrale molti anni dopo il trauma, spesso perché non si sono mai sottoposti ad un controllo approfondito.

Il colpo di frusta e i microtraumi

Sovente il primo vero trauma da colpo di frusta può verificarsi al momento della nascita: molte volte da bambini si incorre in cadute rovinose e traumi contusivi al viso e di vario genere ma una volta che i lividi e le escoriazioni spariscono il problema viene dimenticato. Tuttavia rimangono delle cicatrici che sono a volte ancor visibili. Una sintomatologia simile a quella che si ha nel colpo di frusta si può manifestare anche in assenza di un episodio traumatico improvviso, ma essere l'effetto secondario dei cosiddetti "microtrauma" che agiscono giorno dopo giorno a livello della colonna cervicale. Esempi di microtraumi sono la postura scorretta, posizioni sbagliate nel sonno, debolezze muscolari.

L'importanza di una visita alla colonna vertebrale

Con sede a Milano, lo Studio Mazzini Chiropractic Center affronta il possibile colpo di frusta proponendo dapprima un’intervista sulle abitudini personali del paziente e su ogni lesione, caduta, incidente o trauma che può contribuire a creare disfunzioni. In seguito si passa alla visita vera e propria, mediante la quale il chiropratico individua le sublussazioni presenti a livello della colonna vertebrale. Il ruolo del chiropratico è quello di liberare la colonna vertebrale dalle sublussazioni, permettendo così al corpo umano di guarire definitivamente e di mantenersi in buono stato di salute.

Perciò se siete stati coinvolti in un incidente che potrebbe aver causato un colpo di frusta, recatevi dal chiropratico al più presto per verificare che non vi siano state alterazioni nella funzionalità della colonna vertebrale e non dimenticate di far controllare saltuariamente i vostri bambini.