Ernia discale, discopatie (discartrosi, protrusioni discali)

Le persone che soffrono di ernia del disco si rivolgono sempre più di frequente alla chiropratica. Molte volte ne sentono parlare da conoscenti e mass media ma negli ultimi anni, sempre più spesso, la visita dal chiropratico è suggerita dal medico di base o dallo specialista. In alcuni casi i pazienti soffrono di dolori così forti che neanche le più potenti cure farmacologiche riescono a lenire il disturbo e a consentire a chi ne è afflitto, spesso, di prendere sonno.

Fino a qualche anno fa ai pazienti afflitti da ernia discale veniva consigliata l’operazione chirurgica, ma oggi non è più così.

Chiropratica ed ernia del disco

Il percorso curativo naturale rimane lungo perché si tratta dell'infortunio di un legamento, che quindi richiede alcuni mesi di riabilitazione per riprendere la propria elasticità e funzionalità.

Solitamente con la chiropratica si nota un sensibile miglioramento della sintomatologia nelle prime quattro settimane di trattamenti, ma affinché la colonna vertebrale torni alla sua funzione ottimale, generalmente occorrono alcuni mesi. Per accelerare il periodi di riabilitazione è importante riprendere l’attività fisica quanto prima, anche solo con brevi camminate ed esercizi specifici per recuperare la tonicità muscolare.

Cos'è l'ernia del disco

Le 33 vertebre della colonna vertebrale sono separate da dischi composti da cartilagine e sono costituiti da una parte esterna fibrosa (anulus fibroso) ed una interna gelatinosa (nucleo polposo) che ammortizza lo shock del peso e dei movimenti.

I dischi intervertebrali sono soggetti a malattie, a degenerazione, e a piccole lacerazioni. Quando la parte esterna fibrosa si danneggia, il materiale gelatinoso intorno al disco fuoriesce causando l’ernia. Se invece la fuoriuscita è esclusivamente della parte esterna del disco senza interessamento del nucleo, siamo di fronte a una protrusione discale.

L’ernia può provocare dolore quando spinge posteriormente contro i tessuti intorno ad essa ed i nervi spinali adiacenti.
L’ernia discale può avvenire in qualsiasi punto della colonna vertebrale ma più comunemente affligge la zona cervicale e quella lombare

Sintomatologia e trattamenti

Distinguiamo due tipologie di ernia del disco, ognuna delle quali implica un trattamento specifico:

  • Ernia del disco cervicale: dolore nella regione del collo, spalle, cefalea, dolore nel braccio con possibile formicolio, perdita di forza e mancanza di sensazioni tattili;
  • Ernia del disco lombare: dolore nella regione della schiena, dolore nella gamba (sciatica) con possibile formicolio, perdita di forza e mancanza di sensazioni tattili.

Lo Studio Mazzini Chiropractic Center di Milano effettua trattamenti specifici, soggettivi e mirati a seconda dei casi. Dopo una visita accurata e una lettura dettagliata degli esami (TAC e/o Risonanza Magnetica) il trattamento è mirato a ripristinare la funzionalità della colonna vertebrale e quindi eliminare alla radice la causa del problema, non solamente a ridurre i sintomi.

Trattamento chiropratico dell'ernia discale

Autorevoli personalità mediche e chiropratiche concordano oggi come il trattamento fisioterapico mediante manipolazione qualificata alla regione dorsale e agli arti inferiori per il trattamento dell'ernia discale sia oggi di provata efficacia. Tale patologia, prima considerata un'affezione da risolvere chirurgicamente, oggi viene trattata con metodi conservativi.

Le motivazioni principali sono le seguenti:

  • spesso è presente un’ernia discale, confermata dall’imaging, ma la fonte di dolore è un’altra disfunzione articolare o muscolare. Oggi è noto che circa il 40% delle persone sopra i 40 anni presentano un’ernia chiaramente visibile all’imaging ma nessun dolore o altro sintomo di sorta;
  • nei casi in cui il disco è effettivamente la fonte del dolore, la causa primaria di tale algia non è la compressione delle radici nervose, come si riteneva precedentemente, ma l’infiammazione (dovuta a materiale fuoriuscito nello spazio epidurale). La manipolazione sembra ridurre l’infiammazione, in taluni casi rimuovendo il materiale erniato dalla radice del nervo. La compressione nervosa, ove presente, causa la perdita di sensibilità, capacità motoria e riflessi più che dolore.

Caso clinico

La completa documentazione di un caso di ernia discale lombare, realmente trattato da Manuel Mazzini DC CCSP dello Studio Mazzini Chiropractic Center di Milano. Il trattamento effettuato si pone con l'ottica di condurre il malato ad una guarigione clinica.

Bibliografia

Kassidy JD, Thiel HW, Kirkaldy-Willis KW. Side posture manipulation for lumbar intervertebral disc herniation. J Manip Physiol Ther 1993;16: 96-103

Nwuga VCB, Relative therapeutic efficacy of vertebral manipulation and conventional treatment in back pain management. Am J Phys Med 1982;6:273278

Bozzao A,Gallucci M, et al. Lumbar disc herniation: MRI imaging assessment of natural history of patients treated without surgery. Neuroradiol 1992;185:13541

Wiesel SW.A study of computer-assisted tomography:the incidence of positive CAT scans in an asymptomatic group of patients. Spine 1984;9:549-51

Chapman-Smith D. La professione Chiropratica 2004.

Vedi libro "La Professione Chiropratica" pagina 118 .4"

Pope MH, Phillips RB, Haugh LD, et al. A prospective randomized three-week trial of spinal manipulation, transcutaneous muscle stimulation, massage and corset in the treatment of subacute low back pain. Spine.

Triano JJ, McGregor M, Hondras MA, et al. Manipulative therapy versus education programs in chronic low back pain. Spine. 1995;20(8):948-955.

Santilli, V, Beghi E, Finucci S (2006) Chiropractic Manipulation in the Treatment of Acute Back Pain and Sciatica with Disc Protrusion: A Randomized Double-blind Clinical Trial of Active and Simulated Spinal Manipulations, The Spine Journal, in press.

Boos N, Rieder R, Schade V, Spratt KF, Semmer N, Aebi M. 1995 Volvo Award in clinicalsciences. The diagnostic accuracy of magnetic resonance imaging, work perception, and psychosocial factors in identifying symptomatic disc herniations. Spine 1995; 20: 2613-25.