Il metodo Zilgrei

Autoterapia di respirazione e movimento secondo il dott. Hans Greissing e Adriana Zillo.

 

 

 

Le origini

Il Metodo ZILGREI nasce in Italia circa trent’anni fa dall’iniziativa di Adriana Zillo e di Hans Greissing, chiropratico americano di origini tedesche e di fama internazionale, che portò negli Anni Cinquanta portò nel nostro paese le tecniche manipolative di chiropratica, oggi diffuse in tutto il mondo. Il metodo ZILGREI prende il nome formato dai cognomi dei suoi autori: ZILlo + GREIssing = ZILGREI.

Lo scopo

Lo scopo del Metodo ZILGREI è quello di eliminare gli squilibri muscolari e i blocchi articolari riportando la colonna vertebrale, le articolazioni e i muscoli in uno stato di equilibrio, con conseguente normalizzazione posturale e generale dell’organismo, sia a livello funzionale che organico, mantenendo inoltre più a lungo l’effetto benefico del trattamento chiropratico.

Le basi tecniche anatomiche e neurofisiologiche

Il metodo ZILGREI si serve dei principi e dei meccanismi di anatomia, biomeccanica e neurofisiologia su cui si fonda la chiropratica classica secondo D. D. Palmer, fondatore americano della chiropratica moderna.
Gli elementi fondamentali delle autoterapie ZILGREI – da non confondere con esercizi in quanto non allenano bensì normalizzano – sono naturali e vitali.
Le autoterapie sono semplici, delicate e rilassanti; non danno effetti collaterali e sono indolori, sia perché i movimenti vengono sempre eseguiti nella direzione opposta a quella che provoca il dolore, sia perché i movimenti, le posizioni e la respirazione sono fisiologicamente normali.
Il metodo ZILGREI aiuta a riscoprire la corretta respirazione diaframmatica, base da cui muovono le autoterapie.

     

 

 

 

 

Le basi filosofiche

Lo ZILGREI è un metodo mirato all’autoguarigione. In tal senso stimola le forze biocibernetiche che controllano e mantengono le funzioni vitali e corporee, o le riattivano se queste sono carenti.
Quindi contrariamente alle pratiche e terapie apparentemente simili, anche di origine orientale, lo ZILGREI non richiede l’adesione ad una determinata filosofia o visione del mondo. Si serve, come illustrato, di meccanismi neurofisiologici per i quali non sono rilevanti le convinzioni, bensì un utilizzo del metodo in maniera corretta e coerente.
Lavorando in modo specifico con il proprio corpo secondo i criteri del Metodo ZILGREI, si acquisisce maggiore consapevolezza delle proprie condizioni fisiche e psichiche e si impara ad intervenire in maniera mirata su entrambe.

L'approccio al metodo

Il Metodo ZILGREI si può facilmente apprendere seguendo poche lezioni individuali effettuate presso lo Studio Mazzini Chiropractic center di Milano.
Il metodo può essere appreso da tutti indipendentemente dall’età e dallo stato di salute.

Indicazioni e campi d'applicazione

Il Metodo ZILGREI si è dimostrato efficace nell’affrontare le più svariate condizioni patologiche, portando sollievo, raggiungendo spesso  la completa guarigione.

I risultati positivi si riscontrano soprattutto nei seguenti disturbi che, in molti casi, hanno avuto dalla medicina le seguenti diagnosi:

  • dolori e blocchi dell’apparato locomotore: patologie della colonna vertebrale e delle articolazioni; artrosi e artriti, sciatica e lombalgie, discopatie, forme reumatiche, scoliosi, iper-ipolordosi e cifosi, contratture muscolari, periartriti;
  • mal di testa, emicrania, artrosi cervicale, cervicobrachialgie e formicolii;
  • asma, malfunzionamento dell’apparato respiratorio;
  • disturbi nervosi, insonnia, stress, ansia;
  • disturbi mestruali e della menopausa;
  • stitichezza;

Il metodo trova, inoltre, efficacia in termini di:

  • prevenzione degli effetti dannosi dall’uso monolaterale del corpo;
  • miglioramento dei disordini posturali;
  • miglioramento nel rendimento sportivo;
  • assistenza alla gravidanza e preparazione al parto;
  • miglioramento della qualità della vita sotto il profilo fisico e psicologico.

Tale tecnica è altresì un utile coadiuvante della chiropratica per mantenerne più a lungo i benefici.